Roma 20 giugno 2008 – Convegno CGT

4 06 2008

Programma

MATTINA (ore 08.45 – 13.00)

Saluto introduttivo del Presidente del Circolo e dell’Organizzatore

  • Le responsabilità penali connesse al mancato rispetto del D.Lgs n.231/2001 e del D.Lgs. n.196/2003 – Relatore: (Avv. Francesco Paolo Micozzi Foro di Cagliari)

  • Le responsabilità civili connesse al mancato rispetto del D.Lgs n.231/2001 e del D.Lgs. n.196/2003 – Relatore: (Avv. Ernesto Belisario Foro di Potenza)

Coffe Break

  • La necessità di una visione complessiva per la soluzione dei problemi connessi al mancato rispetto del D.Lgs n.231/2001 e del D.Lgs. n.196/2003: come tramutare un obbligo in una risorsa. – Relatore: (Avv. Luca-M. de GraziaForo di Roma)

  • Case Study: l’esperienza di un gruppo multinazionale – Relatore: * * *

PAUSA PRANZO

POMERIGGIO (ore 14.30 – 18.30)

  • Le possibili soluzioni tecniche informatiche per gestire la complessità del problema: dalla autenticazione degli utenti ai sistemi di “controlled digital investigation” ­ Relatore: Prof. Dario Forte

    – abstract –

Le cosiddette “digital investigations” sono uno strumento utile (e potente) per il raggiungimento e mantenimento della compliance. Tuttavia bisogna conoscerla in maniera approfondita al fine di valorizzarne le potenzialità e limitarne usi impropri. Lo speech illustra i paradigmi tecnologici e scientifici vigenti e li incrocia con le tematiche di tutela di aziende e lavoratori.

– abstract –

  • Le problematiche legate all’applicazione delle normative agli studi professionali associati Relatore: (Avv. Andrea LisiForo di Lecce – ScInt)

Coffe Break

  • Le particolarità relative all’applicazione delle normative agli enti pubblici economici – Relatore: (Avv. Marcello Bergonzi PerroneForo di Milano)

    – abstract –

Stante l’inversione dell’onere probatorio ai sensi dell’art. 15 del cod. privacy, la genericità e “onnicomprensività” del concetto di dato personale e della sua tutela legislativa, la semplice redazione di un buon Documento Programmatico della Sicurezza è condizione necessaria, ma non sufficiente a creare un adeguato scudo per limitare od escludere una responsabilità amministrativa per le imprese, anche ai sensi del Dlgs. 231/2001. Solo la presenza di un adeguato modello di organizzazione e controllo, voluto e realizzato direttamente dai soggetti che svolgono funzione apicale nell’azienda, e che si affianchi alla documentazione pretesa dal Cod. privacy, può se non eliminare in radice, drasticamente limitare l’esposizione ai rischi delle sanzioni pecuniarie e interdittive che potrebbero derivare alla azienda in dipendenza di reati commessi dai propri collaboratori e/o dipendenti.

– abstract –

  • Case Study: l’esperienza del Gruppo della Cassa di Risparmio di S. Miniato – Relatore: Dott. Roberto Bonci

Breve relazione di sintesi – tavola rotonda

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: