Linux Pro n.70 – Anonimato

3 09 2008

Come da oggetto, son qui per segnalare che nel numero di settembre di Linux Pro c’è un mio articolo su privacy ed anonimato in rete.





La rete della ASL8? L’abbiamo bucata!

29 02 2008

Dati sensibili? «Con l’aiuto di esperto d’informatica, i Riformatori sono penetrati, tramite un punto d’accesso wireless a Cagliari, nella rete dell’Asl, riuscendo ad accedere a dati su dimissioni e ricoveri delle case di cura con nomi e cognomi dei pazienti, schede personali con le patologie, esenzioni ticket per patologie degli abitanti di un comune del Sulcis, comunicazioni interne dei medici.» (da http://www.informatica-oggi.it/archives/0002104.html) La ASL 8 risponde con una segnalazione alla magistratura… «L’Asl ipotizza che l’accesso denunciato dai Riformatori abbia riguardato “un pc inserito in una rete locale, nel quale peraltro erano presenti file riguardanti dati sensibili di pazienti: l’azione del tutto volontaria e niente affatto casuale e’ molto grave”. Percio’ l’Azienda ha segnalato l’episodio all’autorita’ giudiziaria.» (da http://www.informatica-oggi.it/archives/0002105.html)

Pubblicità




Quegli strani puntini gialli…

25 02 2008

Forse non tutti sanno che…

EFF imagesi possono ottenere preziose informazioni di computer forensics anche da pagine stampate con stampanti laser. Ne parlava tre anni fa il sempre ottimo Schneier. In sostanza molti modelli di stampanti laser inseriscono artatamente delle informazioni nelle pagine stampate. Attraverso la lettura di tali informazioni semi-nascoste è possibile risalire all’identità del titolare della stampante. Le stampanti DocuColor della Xerox, ad esempio,inseriscono una serie di minuscoli punti gialli in ciascuna pagina stampata. La particolare disposizione di questi punti gialli, a mo’ di impronta digitale (“laser”) lasciata su ciascun foglio consente di immagazzinare oltre 14 7-bit byte di informazioni.

Non c’è modo di vedere queste sequenze di punti gialli ad occhio nudo: è necessario utilizzare un microscopio o una lente d’ingrandimento e illuminare la pagina con una luce blu.

La EFF (Electronic Frontier Foundation) ha pubblicato una lista delle stampanti che mostrano questa simpatica peculiarità.

Alcuni giorni fa un articolo su The Register parla dell’iniziativa di indagine conoscitiva attivata da Franco Frattini, Commissario responsabile per il portafoglio Giustizia, libertà e sicurezza dell’Unione Europea, su iniziativa di alcuni europarlamentari (altrimenti detti MEPs). Questa tecnologia di inserimento di informazioni attraverso le stampe laser è potenzialmente lesiva dei diritti umani (in particolare il diritto alla privacy) in quanto non viene fornita alcuna informazione sull’uso che verrà fatto di tale sistema di “tracciamento” delle attività individuali.